.
Annunci online

From USA to Italy: to die because you're black
post pubblicato in Giustizia, il 13 agosto 2014

Rachel Odiase was aged only 13 months.

The night of march 3, 2010 she begins to get sick, she’s prone of violent bouts of vomit and their parents call the ambulance. Rachel is taken to hospital, where a doctor visit her. On the medical report are shown the time of entry and exit: 00,39-00,45 . The medical examination lasts six minutes. She is discharged from the hospital immediatly with the prescription of three drugs. 

Rachel still feel bad and his father come back to the hospital asking for a urgent  medical examination. The answer of doctors is appalling, absurd and absolutely illegal, as I am going to explain. They say to Mr Odiase the health card of Rachel is expired, so they can't visit or hospitalize her. Someone of them call police because of the fierce protest of the Rachel’s father. Someone else remember that few days before a albanian child aged only 18 months die after being discharged by another facility of the same hospital in Melzo, near there: so at 3 am Rachel is hospitalized, but  until 8 o’clock no one doctor visit her, no drip is administered to Rachel while she has very strong attacks of dysentery and she is no longer able to drink anything. In the evening the situation is critical. When she starts to have heartbeat problems,  someone right away remembers to be a doctor and intervenes, but it’s too late. She dies after 30 minutes of useless resuscitation maneuvers. 

Someone wonder why this is considered a racist incident. Easy: no one doctor in this damn whole country would have the courage to refuse visit or hospitalize me because my health card is expired. I’m pretty sure it’s happened to me to receive medical care without my health card or when it was expired. It’s not an out and out ID document. It’s only a document that lets the national healthcare system to identify you only of the purpose of medical treatment and all above record  the requests of patients and the treatments to monitor the overall situation.

No one doctor would have the courage to write “buone condizioni di salute” (goodhealth)  in a medical report of a white 13 months child getting sick with violent bouts of vomit.

The two doctors,  accused by Milan prosecutor of manslaughter, were sentenced only 2 years and 2 years and 8 months of imprisonement. 

Claudia Esposito  (@AyasheMaitai)




permalink | inviato da lelani il 13/8/2014 alle 10:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Trying to disrupt Palestinian society
post pubblicato in Diritto Internazionale Umanitario, il 10 agosto 2014

In the current conflict in Gaza, most observers have raise doubts about what was –and still are- the real targets of IDF in Gaza. From a juridical point of view, the analisys must necessarly start out, as always, from the effective aftermath ofthe war. So, two fundamental elements emerge:

1.    Israeli officials didn’t show a single evidence that an objective targeted was a military objective according to the international humanitarian law.

2.    Despite the statements of the Israeli PM Netanyahu and the IDF spokespersons, the vaste majority of the victims of this conflict are civilians, around half of them women and children.

As discharge the responsabilities of your own actions on the enemy is not basically  allowed by the international law concerning the mutual relations of states, maybe it’s time to try to understand what is the real political aim of this type of war, made by Israel in the absolute and widespread violation of international humanitarian law.

Firstable, as the experts of the modern conflicts can explain, this is absolutely not the first case in which the objectives targeted are civilians. Most wars in Africa are wars against civilians living in places of which mercenaries of international companies, armies of corrupted governements and local criminal organisations disguised as rebels militias want obtain the control. Sometimes fighting against each others sometimes allied, those armed forces on the ground have a problem to solve: civilians living in those territories claim for a fair use of their natural resources which also includes their chance to live and work on their land. As it means basically human rights like a salary, infrastructures and better conditions of live, no one subjects fighting on the ground is available to do it. At the same time, the displacement of those population is not an effective solution: sooner or later people will come back to their land, possibly starting a fight for their rights. Dangerous eventuality which can become expensive to quell. So finally they found the solution of this problem: the disintegration of the society. There is here  a difference with respect to genocide: in fact, they don’t want the total disappearance of civilians population, which must be the aim of action in the legal definition of genocide under international law.  They work for a civilian population shocked, poverty-stricken and unaware of any chance of rebellion enough to accept inhuman conditions of life and work and never ask for their rights on natural resources of their land. The disintegration fo the society is pursued through first and foremost massive rapes of women and young girls: fudamental action to destroy those little societies based on family ties, because women and children raped are discriminated by the rest of population. All above, they often contract HIV that isolates them from all of others. Second, periodical massive murders are required to avoid the rebuilding of homes, churches and finally a semblance of normal life in the places of which the differents armed groups want to take the control.

Now we have to wonder if the same method is used by Israel to achieve his political aim. But ..what’s the political aim of Israel? Nobody seems to know it. So, I think, we have to follow a rational way to understand the goal of Israeli policy; starting, as I said, by the aftermath of the political and – in this case –military action, taking into account that, exactly like in Africa wars, each subject does only what it is convenient to do to get your own result with if possible the minimum economic  effort. So, Israeli is basically targeting civilians. According to the UN Office for the Coordination of Humanitarian Affairs, cited by Amnesty International report dated August 7, 1,814 Palestinians had been killed in the Gaza Strip, 86 percent of them civilians. More than 9,400 people have been injured, many of them seriously. An estimated 485,000 people across the Gaza Strip have been displaced, and many of them are taking refuge in hospitals and schools. Those numbers represent very well the indifference of Israel for the fate of civilians, because they show that Israel violated international humanitarianlaw targeting objectives too close to civilians homes and with no evidences that objectives were “military” under international humanitarian law. But it gets worse,  Israel showed a willingness to attack Palestinians population repeatedly targeting ambulances, hospitals and in general healtcare facilities. There were no evidences that those places were under the control of Hamas, and the consequences of the attacks showed that it was nothing more than healtcare facilities, that is civilian objectives.

Those data bring a reflection we have to do: maybe the real military goal of Israel, like in most african wars, is the palestinian society. Rebuild schools, hospitals,homes, mosques will take many years, maybe decades. On the basis of the evidences not shown by Israel, the only aftermath of targeting those buildings is to prevent a normal life in Gaza. 9.400 people injured, many of themseriously, means a generation of disabled which will have a hard future in Gaza. Children and women slaughter is typical of this type of war, as it follows the disintegration of the family as the primary core of society. A society  increasingly weak, unable to produce any kind of policy, moderate or extremist, and so in fact forced to accept the final political goal of Israel: the one state solution in which there will be no place for  a political recognition of the palestinian nation and palestinians will live as a minority exploited as already currently they are.

Claudia Esposito

Bachelor in  UN International Law of armed conflicts and International humanitarian Law

 Post graduated with thesis on international terrorism in italian jurisprudence


 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. israel strategy palestinian children women

permalink | inviato da lelani il 10/8/2014 alle 12:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
The rights of the militant
post pubblicato in Diritto Internazionale Umanitario, il 29 luglio 2014
Despite the Israeli and U.S. propaganda are insistenty trying to argue the opposite, we must remember that the rules of international humanitarian law are valid even in the case of the Israeli attack against Hamas in Gaza. Firstable we have to remember that this attack is an "international conflict" according to the article 2 of the Geneva Convention, signed by Israel in 1951. The result is that the rules of IV Geneva Conventions concerning the protection of civilians must be respected by Israel even in this case. Primarily, the rule that only military objectives can be targeted. The recent news from Gaza clearly say us that this is not what is happening; moreover, the toll of civilians deaths show that those deaths cannot be considered reasonably "casualties", despite the statement of Israeli spokepersons. The real aim of this Israel military operation must be understood through the actions and their aftermath, not certainly through the official statements. But there's another issue on which I want to focus, the Israel behavior towards the Hamas members. Let me start by saying that the armed group "Hamas" constantly commits serious violations of human rights, not only against Israeli citizens, as they targeted not only israeli military targets but also, often, the houses of Israeli civilians. However those who suffer the worst violations are the same Palestinian civilians, first as Hamas advocates the resistance through a reinterpretation of Islam in a conservative key who violates the rights of women, apart from anything else. Above all, in many moments of its history Hamas did not hesitate to attack Israel in political moments in which the dialogue was still possible, cynically exposing Palestinian civilians living in Gaza to the inevitable Israeli response, plus knowing they did not have neither the means nor the organization needed to put these civilians sheltered from the Israeli attacks, probably without even thinking of defending them, in order to have other martyrs on which to base the pain of the Palestinians, leading them to move away from moderate positions of other Palestinian political forces, just to survive politically . However, these policies are the responsibility of the reckless leadership of Hamas. All that does not detract from the fact that Hamas militants are people, human beings with a precise legal status that makes them bearers of rights that must be respected by Israel. By now to say Hamas means say absence of any human right, absence of the need of a fair trial, Hamas has become the mark that empowers Israel to kill without explanation. Today it is sufficient to say Hamas and all of a sudden you can't ask where the attack took place or - equally important- what were the evidences that the objective targeted was a military objective. According to the international humanitarian law things are very different. The militants of Hamas are members of an armed group which has the requirements to be considered legitimate combatants under international humanitarian law. They have some duties, among which the most important is distinguish themselves from the civilians with what international humanitarian law calls signs of recognition. A rule that cannot help in the case of the Israeli attack on Gaza, given the difficulty of the Israeli Defence Force in distinguishing four little boys from for Hamas militants with their characteristic green belt on the head. But they have also some rights that must be respected. First, as members of an armed group non categorized as a regular army, they can be considered combatants only when they are participating in hostilities. When they are not fighting, for example if they are sleeping or also defending their own families by the enemy, they have not the status of combatants: in such cases they must be considered civilians and as such they cannot be targeted. But the conduct of Israel towards Hamas militants goes far beyond the contempt for the life of Hamas militants, almost like they were not human being protected by international humanitarian law. It is by now regular to hear that Israel has targeted the houses of Hamas members. Those are civilians objectives and they can't be targeted by Israel; targeting the houses of Hamas members Israel is not clearly trying to annihilate the Hamas power of fire: the rockets don't come from the houses where wives and children of Hamas militants live. To hit those people - children, wives, relatives of Hamas militants - is to hit innocents civilians protected by the IV Geneva Convention, exactly like any other civilian stricken in violation of the international humanitarian law. Lastly, each military operation must be conducted with the aim of annihilate the enemy power of fire. The lives of those innocents civilians don't even deserve that Israel calls them "casualties": Israel propaganda is trying to make us think that is in the respect of law killing the entire family to kill an Hamas militant. But the reality is that the deaths of those civilians are not in connection with the aim of annihilate the Hamas power of fire. Is the death of a wife or a little boy helpful to the safety of Israel ? Absolutely not. The killing of those civilians are violations of international humanitarian law and it cannot be called "casualties": Israel openly admits to target the houses of Hamas militants. It means that Israel openly admitted that they have committed , in such cases, war crimes.
Claudia Esposito
Bachelor in UN international law of armed conflicts and international humanitarian law
Post graduated with a thesis on the international terrorism in the italian jurisprudence



permalink | inviato da lelani il 29/7/2014 alle 20:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Noi e Loro
post pubblicato in Principi, il 31 marzo 2013
«Generalmente sono di piccola statura e di pelle scura. Molti puzzano perché tengono lo stesso vestito per settimane. Si costruiscono baracche nelle periferie. Quando riescono ad avvicinarsi al centro affittano a caro prezzo appartamenti fatiscenti. Si presentano in 2 e cercano una stanza con uso cucina. Dopo pochi giorni diventano 4, 6, 10. Parlano lingue incomprensibili, forse dialetti. Molti bambini vengono utilizzati per chiedere l'elemosina; spesso davanti alle chiese donne e uomini anziani invocano pietà, con toni lamentosi e petulanti. Fanno molti figli che faticano a mantenere e sono assai uniti tra di loro. Dicono che siano dediti al furto e se ostacolati, violenti. Le nostre donne li evitano sia perché poco attraenti e selvatici, sia perché è voce diffusa di stupri consumati quando le donne tornano dal lavoro. I governanti hanno aperto troppo gli ingressi alle frontiere ma, soprattutto, non hanno saputo selezionare tra coloro che entrano nel paese per lavorare e quelli che pensano di vivere di espedienti o, addirittura, di attività criminali»

Fonte: Ottobre 1919. Dalla relazione dell'Ispettorato per l'immigrazione del Congresso degli Stati Uniti sugli immigrati italiani.



permalink | inviato da lelani il 31/3/2013 alle 9:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Amnesty International Report
post pubblicato in Diritto Internazionale Umanitario, il 25 marzo 2013
Jayyus, West Bank. Le conseguenze della presenza del muro e delle colonie sulla vita dei palestinesi, cosa ha stabilito in merito il diritto internazionale. Le parole di Amnesty International

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Palestina West Bank

permalink | inviato da lelani il 25/3/2013 alle 16:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Democrazia e altre piccole cose.
post pubblicato in Principi, il 14 dicembre 2011
 Un governo che non abbiamo votato sta decidendo del futuro di tutti noi. Voci di secessione si alzano dal Nord più gretto e razzista e proprio nei giorni in cui la Lega Nord parla di secessione  e moneta padana (!?), un attivista neo-nazista decide che è il momento giusto per uccidere. E uccide. 

I conflitti interni sono sempre nati così, dalla coincidenza fra crisi economica, deficit democratico, movimenti interni secessionisti e razzisti  e il grande potere economico delle organizzazioni criminali. 

Fra dieci o quindici anni, siete proprio sicuri che vivremo nello stesso, dannato paese democratico in cui viviamo ora? Chi è in grado di ponderare la gravità della convergenza di tutti questi fattori? Nessuno. Nemmeno chi scrive.

Proprio per questo, ognuno di questi fattori e la loro compresenza, in questo preciso momento storico, deve essere valutata con attenzione, e la politica ha, oggi più di ieri, una grande importanza nel fare in modo che ciascuno di questi fattori non si acuiscano in modo da portarci verso un baratro di cui, purtroppo, anche solo guardando alla vicina Yugoslavia, conosciamo la fine. Non conta solo l'economia, anche se è molto importante uscire da questa crisi economica. Ciascuno di questi elementi si nutre degli altri, anche l'economia si nutre di razzismo: lasciare perdere, pensare che non c'è più niente da fare, porterà fuori dal paese le menti migliori e qui rimarrà la manovalanza, che sarà sindacalizzata e consapevole dei propri diritti o in balìa del proprio lato oscuro, come oggi molti paiono essere.

 E sopra tutto questo, la criminalità organizzata che preferisce l'anti-politica alla politica. Occuparsi di economia, anche se si lotta l'evasione fiscale, non è fare politica come occuparsi del rafforzamento della legislazione anti-mafia, ad esempio. Alle criminalità organizzate questa grave assenza della politica e il deficit di democrazia dovuta al fatto che non vi sono state elezioni democratiche potrebbe fare più che comodo. All'ombra della crisi economica, lontano dalle luci dei riflettori dello scontro fra magistratura e politica tipico della passata legislatura, la gestione dei poteri para-istituzionali e istituzionali deviati può essere  facilitato? Non possiamo saperlo, ma non sarebbe giusto che un potere politico legittimo si occupasse di continuare la lunga marcia verso la libertà dalle organizzazioni criminali?



permalink | inviato da lelani il 14/12/2011 alle 16:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Diego Armando Maradona
post pubblicato in Uomini, il 25 febbraio 2011


Si, ho litigato col Papa. Ci ho litigato perchè sono stato in Vaticano e ho visto i tetti d'oro.
E dopo ho sentito il Papa dire che la Chiesa si preoccupa dei bambini poveri.... allora venditi il tetto, amigo, fai qualcosa!!

Diego Armando Maradona



permalink | inviato da lelani il 25/2/2011 alle 14:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Il silenzio imperfetto - Aldo Penna
post pubblicato in LIBRI, il 19 febbraio 2011

Come fossero barili di una nave affondata che riemergono dalle acque fangose di un'immensa, silenziosa, palude, così i fatti narrati da Aldo Penna ne "Il silenzio imperfetto".
 Sotto la superficie, le molte strade che al delitto conducono: strade politiche, finanziarie, strade pubbliche e strade private.
L'autore descrive con sobrietà i suoi personaggi, ma è una sobrietà che non  intende celare nulla: i diversi volti di una stessa persona, la crudeltà ben nascosta fra le pieghe di una vita perbene e, su tutto, la mafia.
La mafia di oggi, nella sua realtà attuale: finanziaria, elegante e magari anche raffinata; ma non complessa. Semplice come un bambino crudele nel cercare il mezzo più efficiente per arrivare al fine.
Sanguinaria e volgare solo all'occorrenza.

La bellezza di questo romanzo è, fra le altre cose, nella terribile semplicità con cui la mafia è nella società  e la società è nella mafia. Nemmeno una convivenza fra due entità diverse, piuttosto i fili di ragni diversi, mafiosi e non mafiosi, che intessono l'unica ragnatela della struttura politica e economico-sociale di una città, Palermo, nella quale uomini e donne di buona volontà non hanno un punto di riferimento che non sia la propria volontà di verità e giustizia. 

Il protagonista, un giornalista di cronaca nera di un giornale locale, è la mente che senza insopportabili ingenuità osserva il gioco in superficie, intuisce, cerca, scansa le certezze per macerare nel dubbio e trovare, infine, almeno un frammento della verità sommersa.

Claudia Esposito



permalink | inviato da lelani il 19/2/2011 alle 17:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
La dignità delle altre
post pubblicato in Principi, il 4 febbraio 2011


"Il corpo di una donna, probabilmente dell'Est,  è stata ritrovato carbonizzato...". Quante volte lo abbiamo sentito dire, al telegiornale?

Queste donne vivono in un regime di semi-schiavitù. Sfruttate da uomini senza scrupoli, schiavisti e clienti.

Molte di loro sono minorenni.

Questa è prostituzione minorile.

Crocifiggere politicamente Berlusconi per il suo vergognoso comportamento mi sembra il minimo sindacale. 

Ma accusarlo di prostituzione minorile, mi pare improprio. L'ordinamento prevede una valutazione caso per caso, dai 14 ai 18 anni.

Queste donne hanno scelto. Razionalmente, a freddo, un comportamento in funzione di un interesse, il denaro. Chi ha sfruttato chi? 

Per la nostra dignità di donne, certo.
Ma cerchiamo di guardarci intorno, senza retorica ma col cuore che sempre ci vuole.

Anche per loro. Per le donne senza nome e senza volto, di cui noi non sappiamo nulla noi, che famiglie lontane stanno cercando.

Queste signore minorenni di Arcore sono bel altro, e sono adulte. Hanno scelto la loro strada, che vadano pure dove questa strada le porterà. Non sono vittime di nulla.

Claudia Esposito



permalink | inviato da lelani il 4/2/2011 alle 10:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Seconda Dichiarazione della Selva Lacandona
post pubblicato in Ezln, il 9 dicembre 2010

Seconda Dichiarazione della Selva Lacandona
Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale

Messico
10 giugno 1994

Oggi diciamo: Non ci arrenderemo!

"... non sono unicamente quelli che portano spade grondanti di sangue e rifulgono di fugaci raggi di gloria militare, gli eletti a designare i membri del governo di un paese che vuole democratizzarsi; quel diritto ce l'hanno anche i cittadini che hanno lottato sulla stampa e nei comizi, che si sono identificati con gli ideali della Rivoluzione e hanno combattuto il dispotismo che viola le nostre leggi; perché non è solo sparando proiettili sui campi di battaglia come si cancellano le tirannie; anche lanciando idee di redenzione, frasi di libertà ed anatemi terribili contro i boia del paese, si abbattono le dittature, si abbattono gli imperi (…) e se i fatti storici ci dimostrano che la demolizione di ogni tirannia, che il crollo di tutti i mal governi è un’opera congiunta dell'idea con la spada, è un assurdità, è un'aberrazione, è un dispotismo inaudito voler segregare gli elementi sani che hanno il diritto di scegliere il Governo, perché la sovranità di un popolo è costituita da tutti gli elementi sani che hanno una coscienza piena, che sono coscienti dei loro diritti, siano essi civili o combattenti temporaneamente, ma che amano la libertà e la giustizia e lavorano per il bene della Patria".

Emiliano Zapata per voce di Paulino Martínez, delegato zapatista alla Sovrana Convenzione Rivoluzionaria, Aguascalientes, Ags., Messico, 27 ottobre 1914

Al popolo del Messico

Ai popoli ed ai governi del mondo

Fratelli:

L'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale, sul piede di guerra contro il mal governo dal 1° Gennaio 1994, si rivolge a voi per farvi conoscere il suo pensiero:

I

Fratelli messicani:

Nel dicembre 1993 dicemmo BASTA! Il primo gennaio 1994 abbiamo chiamato i poteri Legislativo e Giudiziario ad assumersi le loro responsabilità costituzionali affinché impedissero la politica di genocidio che il potere Esecutivo Federale impone al nostro popolo, basandoci sul nostro diritto costituzionale di applicare l'articolo 39° della Costituzione Politica degli Stati Uniti Messicani:

"La sovranità nazionale risiede essenzialmente ed originariamente nel popolo. Ogni potere pubblico emana dal popolo e si istituisce a suo beneficio. Il popolo ha, in ogni tempo, l'inalienabile diritto di alterare o modificare la forma del suo governo”.

A questo appello si è risposto con la politica dello sterminio e della menzogna. I poteri dell'Unione hanno ignorato la nostra giusta richiesta ed hanno permesso il massacro. Ma questo incubo è durato solo 12 giorni, perché un'altra forza superiore a qualunque potere politico o militare si è imposta sulle parti in conflitto. La Società Civile si è assunta il compito di preservare la nostra patria, ha manifestato il suo disaccordo col massacro ed ha obbligato al dialogo; tutti abbiamo compreso che l'eterno partito al potere che detiene a suo beneficio il prodotto del lavoro di tutti i messicani, non può più continuare; che il presidenzialismo che lo sostiene impedisce la libertà e non deve essere più permesso, che la cultura della frode è il metodo col quale si impongono ed ostacolano la democrazia, che la giustizia esiste solo per i corrotti potenti, che dobbiamo far sì che chi comanda lo faccia obbedendo, che non c'è un'altra strada.

Questo è ciò che tutti i messicani onesti ed in buona fede, la Società Civile, hanno compreso, solo si oppongono quelli che hanno basato il suo successo sul furto dell’erario pubblico, quelli che proteggono, prostituendo la giustizia, i trafficanti e gli assassini, quelli che ricorrono all'assassinio politico ed alla frode elettorale per imporsi.

Solo questi fossili politici progettano di nuovo di far fare retromarcia alla storia del Messico e di cancellare dalla coscienza nazionale il grido che tutto il paese ha fatto proprio dal primo gennaio 94: ADESSO BASTA!

Ma non lo permetteremo. Oggi non ci rivolgiamo ai falliti poteri dell'Unione che non hanno saputo compiere il loro dovere costituzionale, permettendo che L’Esecutivo Federale li controllasse. Se questa legislatura ed i magistrati non hanno avuto dignità. verranno altri che questa volta capiranno di dover servire il loro popolo e non un individuo, il nostro appello va ben aldilà di un mandato di sei anni o di un'elezione presidenziale alla porta. È nella SOCIETÀ CIVILE, che risiede la nostra sovranità, è il popolo quello che può, in ogni tempo, alterare o modificare la nostra forma di governo e l'ha capito già. È al popolo che ci appelliamo con questa SECONDA DICHIARAZIONE DELLA SELVA LACANDONA per dirgli:

Primo. Abbiamo rispettato puntualmente le convenzioni internazionali sulla guerra nel condurre le azioni belliche: ciò ci ha procurato il tacito riconoscimento nazionale ed internazionale come forza belligerante. Continueremo a rispettare tali convenzioni.

Secondo. Ordiniamo alle nostre forze regolari ed irregolari in tutto il territorio nazionale ed all'estero la PROROGA UNILATERALE DEL CESSATE IL FUOCO OFFENSIVO. Manterremo il rispetto al cessate il fuoco per permettere alla società civile di organizzarsi nelle forme che consideri pertinenti per conseguire il transito alla democrazia nel nostro paese.

Terzo. Condanniamo la minaccia che pesa sulla Società Civile con la militarizzazione del paese, con personale e moderni equipaggiamenti repressivi, alla vigilia delle elezioni federali. Non vi è dubbio che il governo salinista pretenda di imporsi con la cultura della frode. NON LO PERMETTEREMO.

Quarto. Proponiamo a tutti i partiti politici indipendenti di riconoscere ora lo stato di intimidazione e di privazione dei diritti politici sofferto dal nostro popolo negli ultimi 65 anni e di pronunciarsi per dar vita ad un governo di transizione politica verso la democrazia.

Quinto. Respingiamo la manipolazione ed il tentativo di slegare le nostre giuste richieste da quelle del popolo messicano. Siamo messicani e non deporremo né le nostre richieste né le nostre armi se non ci saranno la Democrazia, la Libertà e la Giustizia per tutti.

Sesto. Reiteriamo la nostra disponibilità per una soluzione politica della transizione alla democrazia in Messico. Chiamiamo la Società Civile a che riprenda il ruolo di protagonista che ha avuto nel fermare la fase militare della guerra ed a organizzarsi per condurre lo sforzo pacifico verso la democrazia, la libertà e la giustizia. Il cambiamento democratico è l'unica alternativa alla guerra.

Settimo. Chiamiamo gli elementi onesti della società civile ad un Dialogo Nazionale per la Democrazia, la Libertà e la Giustizia per tutti i messicani.

Per questo diciamo:

II

Fratelli:

Dopo l’inizio della guerra, nel gennaio 1994, il grido organizzato del popolo messicano ha fermato lo scontro ed ha invocato il dialogo tra le parti contendenti. Alle giuste richieste dell'EZLN, il governo federale ha risposto con una serie di offerte che non toccavano il punto essenziale del problema: la mancanza di giustizia, di libertà e di democrazia nelle terre messicane.

Il limite del compimento delle offerte del governo federale alle richieste dell'EZLN è dovuto allo stesso sistema politico del partito al potere. Questo sistema è quello che ha fatto in modo che nelle campagne messicane sussista e si sovrapponga al potere costituzionale un altro potere le cui radici rendono possibile il mantenimento del partito al potere. È questo sistema di complicità quello che rende possibile l'esistenza e la belligeranza dei caciques, il potere onnipotente degli allevatori e dei commercianti e la penetrazione del narcotraffico.... La sola proposta degli Impegni per una Pace Degna in Chiapas ha provocato un gran subbuglio ed un'aperta sfida da parte di questi settori. Il sistema politica monopartitico cerca di manovrare in questo ridotto orizzonte che la sua stessa esistenza gli impone: non può smettere di avere rapporti con questi settori senza attentare a se stesso, e non può lasciare le cose come prima senza che aumenti la belligeranza dei contadini ed indigeni. Insomma: il compimento degli impegni implica, necessariamente, la morte del sistema di partito di Stato. Per suicidio o per fucilazione, la morte dell'attuale sistema politico messicano è condizione necessaria, benché non sufficiente, per il transito alla democrazia nel nostro paese. I problemi del Chiapas non potranno avere una soluzione reale se non si risolvono i problemi del Messico.

L'EZLN ha capito che il problema della povertà messicana non è solo la mancanza di risorse. Più in là, il suo apporto fondamentale è capire ed esporre che qualunque sforzo, in qualche senso o in tutti, posporrà solo il problema se questi sforzi non avvengono all’interno di un nuovo contesto di relazioni politiche nazionali, regionali e locali: un contesto di democrazia, libertà e giustizia. Il problema del potere non sarà quello di chi ne è il titolare, ma invece di chi l'esercita. Se il potere lo esercita la maggioranza, i partiti politici si vedranno obbligati a confrontarsi con quella maggioranza e non fra di loro.

Riproporre il problema del potere in questo contesto di democrazia, libertà e giustizia obbligherà ad una nuova cultura politica dentro ai partiti. Una nuova classe di politici dovrà nascere e, senza dubbio, nasceranno partiti politici di nuovo tipo.

Non stiamo proponendo un mondo nuovo, ma solo qualcosa di molto preliminare: l'anticamera del nuovo Messico. In questo senso, questa rivoluzione non si concluderà con una nuova classe, frazione di classe o gruppo nel potere, bensì in uno "spazio" libero e democratico di lotta politica. Questo "spazio" libero e democratico nascerà sul cadavere maleodorante dal sistema di partito di Stato e del presidenzialismo. Nascerà una relazione politica nuova. Una nuova politica la cui base non sia solo un confronto tra organizzazioni politiche tra di loro, bensì il confronto delle loro proposte politiche con le distinte classi sociali, poiché dell'appoggio reale di queste dipenderà la titolarità del potere politico, non il suo esercizio. Dentro questa nuova relazione politica, le distinte proposte di sistema ed il loro orientamento (socialismo, capitalismo, socialdemocrazia, liberalismo, democrazia cristiana, eccetera) dovranno convincere la maggioranza della Nazione che la loro proposta è la migliore per il paese. Ma non solo, si vedranno anche "vigilati" da quel paese che governano di modo che siano obbligati a dare rendiconti regolari e siano sottoposti al giudizio della Nazione riguardo alla loro permanenza in veste di titolari del potere o alla loro rimozione. Il plebiscito è una forma regolata di confronto tra Potere - partito politico - Nazione e merita un posto di rilievo nella suprema legge del paese.

L'attuale legislazione messicana è troppo stretta per queste nuove relazioni politiche tra governanti e governati. È necessaria una Convenzione Nazionale Democratica dalla quale si emani un Governo Provvisorio o di Transizione, sia mediante la rinuncia dell’Esecutivo federale o mediante la via elettorale.

La Convenzione Nazionale Democratica ed il Governo di Transizione devono sfociare in una nuova Costituzione nel cui ambito si convochino nuove elezioni. Il dolore che questo processo significherà per il paese sarà sempre minore al danno prodotto da una guerra civile. La profezia del sudest vale per tutto il paese, possiamo imparare già da quello che è successo e tendere meno doloroso il parto del nuovo Messico.

L'EZLN ha una concezione di sistema e della direzione che dovrà prendere il paese. La maturità politica dell'EZLN, la sua maggior età come rappresentante del sentimento di una parte della Nazione, sta nel fatto che non vuole imporre al paese questa concezione. L'EZLN reclama ciò che è già evidente di per sè: la maggior età del Messico ed il diritto di decidere, liberamente e democraticamente, la direzione che dovrà seguire. Da questa anticamera storica uscirà non solo un Messico più giusto e migliore, ma anche un messicano nuovo. Per questo mettiamo in gioco la vita, per lasciare in eredità ai messicani di dopodomani un paese in cui quale non sia una vergogna vivere...

L'EZLN, con una procedura democratica senza precedenti all’interno di un'organizzazione armata, ha consultato i suoi componenti sulla questione se firmare o no la proposta di accordi di pace del governo federale. Vedendo che il tema centrale di democrazia, libertà e giustizia per tutti non era stato risolto, le basi dell'EZLN, indigene in larga maggioranza, hanno deciso di rifiutare di firmare la proposta governativa.

In condizioni di assedio e sottoposti in vari posti a pressioni con la minaccio dello sterminio se non si firmava la pace, noi zapatisti riaffermiamo la nostra decisione di voler ottenere una pace con giustizia e dignità ed impegnare in ciò la vita e la morte. In noi ritrova, un'altra volta, il proprio posto la storia di lotta degna dei nostri antenati. Il grido di dignità dell'insorto Vicente Guerriero, "Vivere per la Patria o Morire per la Libertà", torna a risuonare nelle nostre gole. Non possiamo accettare una pace indegna.

IL nostro cammino di fuoco si aprì davanti all'impossibilità di lottare pacificamente per i diritti elementari dell'essere umano. Il più prezioso di essi è il diritto a decidere, con libertà e democrazia, la forma di governo. Adesso la possibilità di transito pacifico alla democrazia ed alla libertà affronta una nuova prova: il processo elettorale dell’agosto 1994. Ci sono coloro che scommettono sul periodo postelettorale predicando l'apatia ed il disinganno dall'immobilità. Pretendono di usare il sangue dei caduti su tutti i fronti di combattimento, violenti e pacifici, nella città e nelle campagne. Fondano il loro progetto politico sul conflitto successivo alle elezioni e sperano, senza fare niente, che la smobilitazione politica apra un'altra volta la gigantesca porta della guerra. Loro, dicono, salveranno il paese.

Altri scommettono fin d'ora che il conflitto armato ricominci prima delle elezioni e che l'ingovernabilità possa essere da loro sfruttata per perpetuarsi al potere. Come hanno fatto ieri usurpando la volontà popolare con la frode elettorale, oggi e domani, col fiume in piena di una guerra civile preelettorale, pretendono di allungare l'agonia di una dittatura che, mascherata da partito di Stato, dura ormai da decenni. Alcuni altri ancora, apocalittici sterili, pensano che la guerra sia inevitabile e si siedono ad aspettare di veder passare il cadavere del loro nemico... o del loro amico. Il settario suppone, erroneamente, che solamente l'entrata in azione dei fucili potrà far sorgere l'alba che il nostro popolo attende da quando la notte si richiuse, con le morti di Villa e Zapata, sul suolo messicano.

Tutti questi ladri della speranza suppongono che dietro le nostre armi vi siano l’ambizione ed il protagonismo e che ciò guiderà il nostro cammino in futuro. Si sbagliano. Dietro alle nostre armi da fuoco ci sono altre armi, quelle della ragione. Ed entrambe sono animate dalla speranza. Non lasceremo che ce la rubino.

La speranza con il dito sul grilletto ha avuto il suo momento all'inizio dell'anno. Adesso è necessario che aspetti. È necessario che la speranza che cammina nelle grandi mobilitazioni riprenda quel ruolo da protagonista che le spetta per diritto e ragione. La bandiera adesso è nelle mani di coloro che hanno un nome e un volto, della gente buona ed onesta che percorre strade che non sono la nostra, ma la cui meta è la stessa che anelano i nostri passi. A loro va il nostro saluto e la nostra speranza che portino quella bandiera là dove deve stare. Noi aspetteremo, in piedi e con dignità. Se quella bandiera cade, noi sapremo alzarla di nuovo...

Che la speranza si organizzi che cammini ora nelle valli e città come ieri per le montagne. Combattete con le vostre armi, non preoccupatevi di noi. Sapremo resistere fino all’ultimo. Sapremo attendere... e sapremo ritornare se si chiudono di nuovo tutte le porte per il cammino della dignità.

Per questo ci dirigiamo ai nostri fratelli delle organizzazioni non governative, delle organizzazioni contadine ed indigene, ai lavoratori delle campagne e delle città, agli insegnanti ed agli studenti, alle casalinghe ed ai cittadini, agli artisti ed agli intellettuali, ai partiti indipendenti, ai messicani:

Li chiamiamo ad un dialogo nazionale col tema di Democrazia, Libertà e Giustizia.
Per questo lanciamo la presente:

Convocazione per la Convenzione Nazionale Democratica

Noi, l'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale, in lotta per il conseguimento di democrazia, libertà e giustizia che la nostra patria merita, consideriamo:

Primo. Che il supremo governo ha usurpato anche la legalità che abbiamo ereditato dagli eroi della Rivoluzione Messicana.

Secondo. Che la Costituzione che ci governa non riflette più la volontà popolare dei messicani.

Terzo. Che l'allontamento dell'usurpatore dell’Esecutivo federale non basta, ma è necessaria una nuova legge per la nuova nostra patria, quella che nascerà dalle lotte di tutti i messicani onesti.

Quarto. Che sono necessarie tutte le forme di lotta per consentire il passaggio alla democrazia in Messico.

Chiamiamo alla realizzazione di una Convenzione Democratica, nazionale, sovrana e rivoluzionaria, dalla quale emergano le proposte per un governo di transizione ed una nuova legge nazionale, una nuova Costituzione che garantisca il compimento legale della volontà popolare.

L'obiettivo fondamentale della Convenzione Nazionale Democratica è quello di organizzare l'espressione civile e la difesa della volontà popolare.

La sovrana convenzione rivoluzionaria sarà nazionale dato che la sua composizione e rappresentatività dovranno includere tutti gli stati della Federazione, plurale nel senso che le forze patriottiche potranno essere rappresentate, e democratica nel prendere le decisioni, ricorrendo alla consultazione nazionale.

La convenzione sarà presieduta, liberamente e volontariamente, da civili, da personalità pubbliche di prestigio, senza distinzione di appartenenza politica, di razza, di credo religioso, di sesso o età.

La convenzione si formerà attraverso comitati locali, regionali e statali in ejidos, quartieri, scuole e fabbriche da civili. Questi comitati della convenzione si incaricheranno di raccogliere le proposte popolari per la nuova legge costituzionale e le richieste al nuovo governo che nascerà.

La convenzione deve esigere la realizzazione di elezioni libere e democratiche e lottare, senza tregua, per il rispetto della volontà popolare.

L'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale riconoscerà la Convenzione Democratica Nazionale come rappresentante autentico degli interessi del popolo del Messico nel suo passaggio alla democrazia.

L'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale si trova già su tutto il territorio nazionale e può già proporsi al popolo del Messico in qualità di Esercito garante del compimento della volontà popolare.

Per la prima riunione della Convenzione Nazionale Democratica, l'EZLN offre come sede un villaggio zapatista e tutte le risorse di cui dispone.

La data ed il luogo della prima sessione della Convenzione Nazionale Democratica verranno resi noti al momento opportuno.

III

Fratelli messicani:

La nostra lotta continua. Continua a sventolare la bandiera zapatista nelle montagne del Sudest messicano ed oggi diciamo: Non ci arrenderemo!

Rivolti alla montagna parliamo coi nostri morti affinché con la loro parola ci indichino la strada giusta su cui deve incamminarsi il nostro volto imbavagliato.

Hanno rullato i tamburi e con la voce della terra ha parlato il nostro dolore e la nostra storia ha parlato del nostro dolore e la nostra storia ha parlato.

"Per tutti tutto" dicono i nostri morti. Finché non sarà così, non ci sarà niente per noi.

Parlate la parola degli altri messicani, ascoltate col cuore coloro per i quali lottiamo. Invitateli a camminare i passi degni di quelli che non hanno volto. Chiamate tutti a resistere e che nessuno riceva nulla da quelli che comandano comandando. Fate del non vendersi una bandiera comune per i più. Chiedete che non giunga solo una parola di conforto per il nostro dolore. Chiedete di condividerlo, chiedete che resistano con voi, che respingano tutte le elemosine che vengono dal poderoso. Che tutta la genti buona di queste terre organizzi oggi la dignità che resiste e non si vende, che domani quella dignità si organizzi per esigere che la parola che cammina nel cuore della maggioranza sia rispettata da quelli che governano, che s’imponga il cammino giusto per cui colui che comanda, comandi obbedendo.

Non arrendetevi! Resistete! Non mancate all'onore della parola vera. Con dignità resistete nelle terre degli uomini e delle donne veri, che le montagne consolino il dolore degli uomini di mais. Non arrendetevi! Resistete! Non vendetevi! Resistete!

Così ha parlato con la sua parola il cuore dei nostri morti di sempre. Abbiamo visto che è buona la parola dei nostri morti, abbiamo visto che ci sono verità e dignità nel loro consiglio. Per questo chiamiamo tutti i nostri fratelli indigeni messicani a resistere con noi. Chiamiamo tutti i contadini a resistere con noi, gli operai, gli impiegati, i cittadini, le casalinghe, gli studenti, gli insegnanti, coloro che fanno del pensiero e della parola la loro vita. Tutti coloro che hanno dignità e vergogna abbiano, chiamiamo tutti a resistere con noi, perché il mal governo vuole che non ci sia democrazia nelle nostre terre. Non accetteremo nulla che provenga dal cuore marcio del mal governo, né una sola moneta né una medicina né una pietra né un seme né una briciola delle elemosine che ci offre in cambio del nostro degno cammino.

Non riceveremo niente del supremo governo. Anche se aumenteranno il nostro dolore e le nostre pene; anche se la morte continuerà a stare con noi a tavola, nella terra e nel letto; anche se vedremo che altri si vendono alla mano che li opprime; anche se tutto duole; anche se le pene faranno piangere perfino le pietre. Non accetteremo niente. Resisteremo. Non prenderemo nulla dal governo. Resisteremo fino a che colui che comanda, comandi obbedendo.

Fratelli: Non vendetevi. Resistete con noi. Non arrendetevi. Resistete con noi. Ripetete con noi, fratelli, la parola “Non ci arrendiamo! Resistiamo!". Che queste parole non si ascoltino solo sulle montagne del Sudest messicano che si ascoltino nel nord e nelle penisole, che si ascoltino in entrambe le coste che si sentano nel centro, che diventino nelle valli e nelle montagne un grido, che risuoni nelle città e nelle campagne. Unite la vostra voce fratelli, gridate con noi, fate vostra la nostra voce:

Non ci arrendiamo! Resistiamo!

Che la dignità spezzi l’assedio con cui le mani sporche del mal governo ci asfissiano. Tutti siamo assediati, non lasciano che la democrazia, la libertà e la giustizia entrino nelle terre messicane. Fratelli: stiamo tutti assediati, non ci arrendiamo! Resistiamo! Siamo degni! Non vendiamoci!

A che serviranno al potente le sue ricchezze se non può comprare ciò che vale di più in queste terre? Se la dignità di tutti i messicani non ha prezzo, a che serve il potere del potente?

La dignità non si arrende!

La dignità resiste!

Democrazia!

Libertà!

Giustizia!

Dalle montagne del Sudest Messicano
Comitato Clandestino Rivoluzionario Indigeno-Comando Generale dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale
Messico - Giugno 1994


(traduzione del Comitato Chiapas di Torino)





permalink | inviato da lelani il 9/12/2010 alle 23:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia luglio       
calendario
cerca